• 20 Ottobre 2020 20:12

“Proletari senza rivoluzione – Storia delle classi subalterne italiane dal 1860 al 1950” di Renzo Del Carria

7 maggio 1898 – Moti di Milano: il generale Bava-BeccarisFiorenzo_Bava_Beccaris ordina all’esercito di sparare sulla folla che manifesta contro l’aumento del prezzo del pane. I morti sono 80 secondo il Governo, oltre 300 secondo l’opposizione

La mattina di sabato le strade si riempirono di operai e operaie. Secondo Torelli Viollier non si trattò di uno sciopero, ma vari proprietari, temendo azioni violente, decisero di pagare la settimana ai dipendenti e di chiudere gli stabilimenti. Cortei si formarono lungo le vie della città e alcuni dimostranti si portarono alla stazione per bloccare la partenza di treni che pensavano trasportassero i richiamati del 1873.

Illustrazione_Italiana_1898_-_Barricata_sul_Corso_Venezia

Uno dei primi scontri, probabilmente il più grave dell’intera rivolta, si ebbe in Corso Venezia all’incrocio con Via Palestro: per bloccare il passaggio della cavalleria fu creata una barricata con le carrozze di due tram e con mobili sottratti dalla portineria di Palazzo Saporiti. Dai tetti vennero lanciate tegole contro i soldati. Negli scontri ci furono diversi morti e feriti tra i manifestanti.

Per facilitare lo spostamento delle truppe fu bloccato il passaggio dei tram. Attorno a mezzogiorno il prefetto affidò al generale Bava Beccaris la gestione dell’ordine pubblico.

Illustrazione_Italiana_1898_-_Sigaraie_lasciano_il_lavoroAltre barricate furono costruite a Porta VeneziaPorta VittoriaPorta RomanaPorta Ticinese e Porta Garibaldi.

«Tutte però barricate rettoriche, reminiscenze della commemorazione delle Cinque Giornate fatta nel marzo. Si cominciava a fare la barricata, ma all’apparire della truppa la si abbandonava. La truppa la squarciava ed appena s’era allontanata la si rifaceva, ed il gioco ricominciava. A che potevano servire le barricate, giacché non c’erano armi da fuoco per difenderle? […]Illustrazione_Italiana_1898_-_Assalto_dei_tramways Intanto, per le strade, moltissimi curiosi. La rivoluzione era considerata come uno spettacolo divertente. Perciò laddove si fece fuoco caddero parecchi innocenti. I curiosi discorrevano co’ rivoltosi; discorrevano co’ soldati, davano consigli, motteggiavano, chiedevano schiarimenti a’ costruttori delle barricate. La grande maggioranza dei rivoltosi, donne e ragazzi.» cit.(E. Torelli Viollier)

Illustrazione_popolare_1898_-_Concentramento_di_truppa_in_Piazza_DuomoLa piazza del Duomo venne occupata militarmente e il generale Bava Beccaris stabilì un piano per il progressivo controllo della città fino ai sobborghi entro 3 giorni con riapertura degli stabilimenti dal 10 maggio. Su indicazione del governo fu subito colpita la stampa «sobillatrice» con la soppressione di periodici di opposizione e arresti di giornalisti e di politici.Le comunicazioni ufficiali riportarono gli avvenimenti in modo molto accentuato, presentandoli come opera di «un movimento rivoluzionario». Il governo con telegramma delle 16:30 comunicò il decreto che dichiarava la provincia di Milano in stato d’assedio e nominava il generale Bava Beccaris «Commissario straordinario con pieni poteri».

1024px-Moti_del_1898_-_Amnistia_per_i_condannati_politici

Disponibile presso la BIBLIOTECA NAZIONALE UIL ARTURO CHIARI

 

 

Loredana Pietri

Topo di biblioteca presso la sede della Biblioteca Nazione UIL Arturo Chiari in via Lucullo 6 a Roma